Menù
Prenota
Prenota Chiamaci

Ti richiamiamo gratis

Inserisci il tuo numero per essere richiamato

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana *

Compila tutti i campi obbligatori (*)
Messaggio inviato con successo
Invio...
Chiamatemi

Prenota Oline

Arrivo
23
aprile 2018
23-4-2018
Partenza
24
aprile 2018
24-4-2018
Oppure chiamaci
Ita
Cultura

Palio di Siena: origini e aneddoti della contrada della Lupa

Home > News > Palio di Siena: origini e aneddoti della contrada della Lupa
Postata il: 19 maggio 2017

In nessun’ra città troverete una competizione così accesa come il Palio di Siena, un evento del quale è inevitabile discutere ed è utile saperne di più se non si è senesi.

Il nostro viaggio a tappe dedicato alle 17 Contrade arriva alla Lupa, l’unica gemellata con la città di Roma e l’ultima ad aver vinto il Palio, anzi gli ultimi 2, a luglio e agosto 2016.

Quando una Contrada vince due Palii di seguito si dice che ha fatto “cappotto”: con la vittoria del 16 agosto 2016, data perro corrispondente al santo patrono della Contrada, San Rocco, la Lupa si è aggiudicata in totale 36 vittorie.

Iniziamo dalle origini: la Lupa fa parte del Terzo di Camollia e include le zone di Pian d’Ovile, via di Fontenuova, piazza del Sale, una parte di via di Vallerozzi e una parte di Piazza Salimbeni, solo per citarne alcune.
La fontanina battesimale è stata realizzata dell’architetto Giovanni Barsacchi, ed è caratterizzata da una lupa in bronzo, opera di Emilio Montagnani datata 1962.

A proposito della lupa, va ricordato che questo è anche un simbolo della città di Siena, come abbiamo spiegato nell’articolo Quali sono i simboli della città di Siena?

Questo legame con Roma è esplicitato sia dal simbolo della Contrada sia dal nome del suo periodico ufficiale, Romolo e Remo, omaggio alle antiche origini di Siena e testimonianza di quanto sono importanti le tradizioni per i contradaioli.

Per visitare la Contrada della lupa, suggeriamo di recarvi all’Oratorio di San Rocco Confessore, costruito nel XVI secolo, e al museo che sorge a fianco, in Via di Vallerozzi; la sede della Contrada è aperta al pubblico tutti i pomeriggi dalle 17:30, tuttavia consigliamo di consultare il sito ufficiale per restare aggiornati sugli orari: www.contradadellalupa.it

Cosa rende così speciale la vittoria della Lupa l’anno scorso? Prima di tutto, la Lupa era la Contrada Nonna fino ad allora, poiché non vinceva dal 1989; inoltre era dal 1933 che una Contrada non vinceva per due volte il palio con lo stesso fantino e lo stesso cavallo, in questo caso Jonathan Bartoletti (detto Scompiglio) e Preziosa Penelope.
Questo è stato il 17° cappotto nella storia del Palio, un evento raro che rende i festeggiamenti successivi ancora più coinvolgenti.

Foto fantino: Di Janus Kinase (Flickr: Palio di Siena – Assunta 2011) [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], attraverso Wikimedia Commons

Riguardo la prossima edizione, che si correrà il 2 luglio, le Contrade concorrenti saranno Pantera, Onda, Leocorno, Torre, Civetta e Selva (in ordine di ingresso in Piazza del Campo). Occorre attendere domenica 28 maggio per sapere quali Contrade saranno estratte a sorte, poiché a ogni Palio corrono 10 Contrade.

Credits foto di anteprima: Michele Ardu, yourshot.nationalgeographic.com

0Comments

    Leave a Comment

    Scegli come prenotare

    Scopri perché prenotare su questo sito conviene
    Prenotare su questo sito conviene
    4 motivi per scegliere il nostro relais
    Parcheggio Gratuito

    Un vantaggio che nessun altro può vantare in centro a Siena!

    Welcome Drink
    Wi-Fi Gratis
    Prezzo più basso garantito

    Solo prenotando direttamente dal sito hai la tariffa più conveniente.