Menù
Prenota
Prenota Chiamaci

Ti richiamiamo gratis

Inserisci il tuo numero per essere richiamato

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana *

Compila tutti i campi obbligatori (*)
Messaggio inviato con successo
Invio...
Chiamatemi

Prenota Oline

Arrivo
20
novembre 2018
20-11-2018
Partenza
21
novembre 2018
21-11-2018
Oppure chiamaci
Ita
Itinerari

Alla scoperta dei palazzi storici di Siena

Home > News > Alla scoperta dei palazzi storici di Siena
Postata il: 30 settembre 2015

Passeggiando per le strade del centro di Siena si notano numerosi palazzi risalenti a differenti epoche storiche, accomunati da una sobria eleganza, privi di sfarzo e tuttavia contraddistinti da uno stile definito.

Chi arriva a Siena per la prima volta visita il Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia, ma non sempre ha la possibilità di vedere gli ri edifici che impreziosiscono il centro della città.

Per incuriosire i viaggiatori che amano approfondire la storia di un luogo, proponiamo un percorso che include 5 palazzi storici di Siena che vale la pena vedere.
Da non dimenticare che anche Palazzo Ravizza è una dimora storica, poiché risale alla fine del XIX secolo e vanta una lunga tradizione di ospitalità: per questa ragione è interessante scoprire quali sono i palazzi più incantevoli che s’incontrano camminando lungo le piazze e i vicoli della città.

Palazzo Chigi-Saracini

Credits: I, Sailko [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html), CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/) or CC BY 2.5 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.5)], via Wikimedia Commons

Potete ammirare la facciata del palazzo nell’immagine di anteprima di questo articolo: Palazzo Chigi-Saracini, in Via di Città, è una delle testimonianze di maggior prestigio del XII secolo e originariamente era noto come Palazzo Marescotti. Intorno alla prima metà del Trecento l’edificio fu ingrandito e raggiunse le dimensioni attuali. Quello fu il periodo più fortunato della storia di Siena e corrisponde al massimo sviluppo dello stile gotico senese, osservabile nella facciata, rivestita in pietra fino al primo piano e poi in laterizi.

In seguito all’acquisto da parte della famiglia Piccolomini del Mandolo furono realizzate delle decorazioni raffaellesche nel loggiato esterno, in particolare le volte affrescate da Giorgio di Giovanni.

All’interno c’è una galleria che custodisce numerosi esempi di arte senese, inoltre il palazzo è sede, sin dal 1932, dell’Accademia Musicale Chigiana.

Palazzo Piccolomini

Il Palazzo Piccolomini è in via Banchi di Sotto ed è uno degli esempi migliori di stile rinascimentale in città, poiché fu progettato da Bernardo Rossellino, responsabile anche del bellissimo Palazzo Piccolomini di Pienza.

L’elegante facciata in pietra ci introduce a una residenza che oggi è sede dell’Archivio di Stato e del Museo delle tavolette di Biccherna, una rarità poiché esistono pochi esemplari di queste tavole, dipinte con scene religiose e civili adoperate per rilegare i libri dei conti delle amministrazioni finanziarie.

Palazzo Sansedoni

Con ogni probabilità questo è il primo palazzo che si nota appena giunti a Piazza del Campo, dopo il Palazzo Comunale.
Palazzo Sansedoni risale alla fine del XIII secolo e nasce dall’unione di 5 dimore gentilizie, inoltre ha una facciata curvilinea che segue l’andamento della piazza.

Gli interni del palazzo hanno decorazioni settecentesche e ospitano la Fondazione Monte dei Paschi di Siena (mentre la banca è a Palazzo Salimbeni), istituto di credito molto importante per la storia della città e soprattutto la più antica banca al mondo.

Palazzo Reale

Di fronte alla cattedrale di Santa Maria Assunta, in piazza Jacopo della Quercia, sorge Palazzo Reale, noto in origine come Palazzo Petrucci e costruito nella seconda metà del Quattrocento.

Questo palazzo fu poi ricostruito alla fine del XVI secolo da Bernardo Buontalenti per conto dei Medici e rappresenta uno dei simboli del dominio fiorentino su Siena, assieme alla Fortezza Medicea.

Oggi è sede della Prefettura e dell’amministrazione provinciale senese, infatti, è chiamato anche “palazzo del governo”.

Palazzo dei Diavoli

Per finire l’itinerario suggeriamo una dimora situata a nord-ovest del centro storico, oltre Porta Camollia, tra viale Cavour e via Fiorentina.

Il nome Palazzo dei Diavoli ha un’origine misteriosa ed esistono due interpretazioni in merito: potrebbe derivare dalla vittoria senese del 1526 che portò alla dispersione dell’esercito del papa Clemente VII e della Repubblica di Firenze, ottenuta grazie all’intervento di forze diaboliche, oppure potrebbe derivare dal fatto che secondo la leggenda qui si svolgevano riti satanici e messe nere.

In passato questa è stata la residenza della famiglia dei Turchi, successivamente dei Buonsignori; è rivestito in laterizi e ospitava diversi tipi di attività artigiane e un’osteria.

Ognuno di questi palazzi rappresenta un frammento importante della storia senese ed è emozionante poter osservare da vicino come siano in armonia queste dimore costruite a distanza di secoli, elementi essenziali di un quadro di pregio che tutti possono ammirare.

0Comments

    Leave a Comment

    Scegli come prenotare

    Scopri perché prenotare su questo sito conviene
    Prenotare su questo sito conviene
    4 motivi per scegliere il nostro relais
    Parcheggio Gratuito

    Un vantaggio che nessun altro può vantare in centro a Siena!

    Welcome Drink
    Wi-Fi Gratis
    Prezzo più basso garantito

    Solo prenotando direttamente dal sito hai la tariffa più conveniente.